Il calendario è un sistema per tenere conto dei giorni che passano e quanto possono essere
variabili ? Come si tiene il conto dei giorni in Iran?

Oggi è il 30 di Shahrivar (il terzo mese dell’estate) del 1396. Strano? Non per noi. Il calendario ufficiale dell’Iran è quello Solare. Che cosa vuol dire? L’anno comincia il primo giorno della primavera in base al giro del Sole e ogni anno anche l’orario del cambio di anno viene cambiato Ogni quattro anni c’è l’anno “Kabisse” con 366 giorni quando il dodicesimo mese “Esfand” invece di 29 giorni ha 30 giorni.

Questo calendario risale a più di 4000 anni fa ma divenne ufficiale dopo l’Islam e l’’inizio di esso risale all’ anno in cui il profeta Mohammad immigrò dalla Meca a Yasreb dove formò il primo governo islamico, a causa dell’importanza di questo evento , cioè 1396 anni fa.

Ogni 365 giorni viene diviso in quattro stagioni: “Bahar” –primavera, “Tabestan” – estate, “Payiz”-autunno e “Zemestan”-inverno. Ogni stagione ha 3 mesi. I primi 6 mesi hanno 31 giorni e i mesi che restano hanno 30 giorni a parte l’ultimo mese che ne ha 29 e ogni quattro anni diventa di 30 giorni(Kabise).

Il giorno più lungo dell’anno è il primo “Tir” , il primo mese d’estate, e la notte più lunga è la notte dell’ultimo giorno d’autunno (la notte tra il 30 “Azar” e il primo “Dey”.

Qui sotto ci sono i mesi persiani raffigurati con i loro simboli.