In una settimana in cui il 25 aprile si festeggia la Liberazione dell’Italia dal nazifascismo, data che metteva fine a vent’anni di dittatura e a cinque di guerra, una “rivoluzione”che ha portato ad una libertà conquistata con il sangue, durante una guerra civile e contro lo straniero invasore; non potevo non pensare ad un’altra liberazione, ovvero a quella psicologica. Ognuno di noi, soprattutto chi decide di iniziare un percorso psicologico, ad un certo punto si troverà nella condizione di dover scegliere di “liberarsi” da tutto ciò che fino a quel momento ha vissuto come castrante, vincolante, opprimente e che probabilmente avrà fatto nascere insicurezze, conflitti e sfiducia.

Allora come si fa ad attuare il cambiamento tanto desiderato?

 

Per iniziare, la consapevolezza delle proprie ferite è già un primo passo verso la guarigione. Poi ne consegue che il cammino verso il risanamento psicologico, il passo essenziale è accettarsi. L’accettazione di sé è un grande dono, che viene definito come “ la legge principale della crescita individuale” Questo dono avrebbero potuto farcelo i nostri genitori, se lo avessero posseduto. Questo dono potremmo farlo ai nostri bambini se lo possiederemo.

L’accettazione di qualche cosa consiste nel riconoscere qualcosa per ciò che in realtà è, è quando si dice: “E’ così come è!”.“Nessuna trasformazione è possibile senza accettazione”.

 

 

Come puoi sapere se stai vivendo appieno l’accettazione? Quando saprai che il tuo comportamento (che ha appena influito su un’altra persona o su te stesso) fa parte del fatto d’essere umano,e accetterai dunque di assumerne le conseguenze, quali che siano. La nozione di responsabilità è di primaria importanza per accettarti davvero. Il fatto di essere un umano significa che non puoi piacere a tutti, e che puoi avere reazioni umane che possono dispiacere a qualcuno. Il tutto senza giudicarti o criticarti. L’accettazione è dunque l’elemento scatenante per mettere in moto la guarigione.

Scoprirai dunque, con tua gran sorpresa, che più ti consenti di tradire, rifiutare,abbandonare, umiliare, essere ingiusto,meno lo farai! E’ sorprendente, vero?

 

 

Accettate la realtà e fate qualcosa di costruttivo per uscire da ciò che vi rende infelici. Non può andare sempre tutto bene e non tutte le persone sono uguali, per questo l’accettazione sarà la vostra migliore alleata contro una vita stressante. Aprite la mente a nuovi orizzonti e ricordate, che, anche se la vostra vita non è come l’avevate desiderata, può esserlo in futuro se seminate bene nel presente. Tutti abbiamo il potere di indirizzare e cambiare la nostra vita. Non dimenticate che un piccolo passo, una piccola azione, diventeranno qualcosa di grande e importante nel vostro futuro.