La paura del numero 13 porta un nome : la triscaidecafobia. Ma perché il numero 13 non lascia indifferenti? In Francia può’ portare bene oppure male, ma il numero 13 non lascia indifferenti. Se poi capita un venerdi 13 ancora meno.
Le origini sono antiche, certo. La tredicesima persona al tavolo di Cristo durante l’ultima cena lo tradirà, la tredicesima lettera  dell’alfabeto ebraico (men) é legata alla morte, nei tarocchi il tredicesimo arcano é uno scheletro…..Cristo viene ucciso un venerdì 13.
Niente a che vedere con la perfezione del numero 12, buon numero per eccellenza…..il 13 rompe l’ equilibrio, e poi  il venerdì é sempre stato il giorno delle esecuzioni.
In Francia la data chiave alla base della superstizione é il 13 ottobre 1307 quando i Templari furono arrestati su ordine del re Filippo il Bello. Il loro grande maestro, Jacques de Molay fu bruciato vivo a Parigi e prima di morire lancia una famosa maledizione contro il re di Francia e tutta la sua famiglia ….fino alla tredicesima generazione! In effetti, tutta una serie di episodi nefasti colpiranno la famiglia reale e lo scrittore Maurice Druon se ne ispira per  il suo romanzo : ” i re maledetti”.
 Abbiamo tutta una serie di morti famose con data 13 luglio (anche il mese di luglio per i francesi nella storia si tratta spesso di un mese molto movimentato), ecco qualche esempio:
13 luglio: morte di Luigi XVII
13 luglio; morte di Marat ucciso da Charlotte Corday
13 febbraio : uccisione del duca di Berry
13 luglio muore il Principe (duca di Orleans) Louis-Philippe 1°
Secondo le statistiche i più superstizioni rimangono gli spagnoli in Europa, seguiti dagli italiani e poi dai cuginetti francesi.
Gli americani sono molto superstizioni e vanno fino ad eliminare il numero 13 dalle file degli aerei, niente camere 13 negli hotel ad esempio. A Parigi l’imperatrice Eugenia (che era spagnola!) non fece mettere il numero 13 alla via Faubourg Saint- Honoré.
Il prossimo venerdì 13? Si avvicina,  il 13 aprile , ma al momento ci annunciano solo uno sciopero dei treni che per la città di Parigi non é  poco. Quest’anno abbiamo il venerdì 13 luglio….e basta! In un anno ne abbiamo almeno uno e massimo 3 di venerdì 13. Per coloro che pensano che porti fortuna é il giorno ideale per giocare al lotto.
Jean Cocteau disse :” La superstition est l’art de se mettre en règle avec les coïncidences”.