16 Ottobre 2014, Vrbětice…BOOM !!! I cittadini di un tranquillo paese nel sud della Moravia vengono scossi dall’esplosione di un deposito di munizioni che porta alla morte di due persone residenti nel villaggio. Le prime notizie, che escono su tutti i media, attribuiscono la colpa alla carenza di sistemi di sicurezza efficienti del magazzino, ma lentamente emergono elementi che portano al coinvolgimento di agenti russi. Coloro che leggono le poche righe che scrivo in questa rubrica avranno capito che non sono interessata a questioni legate alla politica e quando racconto degli anni trascorsi durante la dittatura comunista ho solamente l’intenzione di riportare le abitudini di vita quotidiana dei Praghesi in quei 40 anni difficili, le cui cicatrici rimarranno per sempre.

Ma questa spy-story mi ha veramente incuriosito anche perché ha portato ad uno spiacevole incidente diplomatico tra Praga e Mosca, insomma è scoppiato un “Russiagate”! Pare che il giorno prima dell’esplosione nei dintorni del deposito di Vrbětice si aggirassero due ufficiali russi, due agenti segreti, due 007 che nella mia fantasia diventano due individui robusti e minacciosi, pallidi ,con i tratti nordici, il colbacco e dalle cui labbra esce una sola frase :” Ti spiezzo in due”. Da questa indiscrezione sono iniziate le indagini degli investigatori cechi che hanno fornito delle prove consistenti sul coinvolgimento di Mosca. L’opinione pubblica ha subito esternato la sua rabbia verso quella Nazione che li ha soffocati e repressi per molti anni.

 

Molti diplomatici russi sono stati immediatamente espulsi da Praga e la contromossa russa è stata la cacciata di altrettanti membri dell’ambasciata ceca a Mosca. È palese che in tutti questi avvenimenti ci siano molte ombre, chissà se verremmo realmente a sapere un giorno la verità su quanto è successo. Molto controverso è inoltre l’atteggiamento del Presidente della Repubblica Zeman dall’inclinazione filorussa che non ha condannato questa brutta faccenda. E perché proprio ora scoppia questo scandalo? Perché proprio in un momento di negoziazione con la Russia per il vaccino Sputnik? Perché proprio quando si stanno assegnando gli appalti per la ricostruzione di una centrale nucleare in cui partecipa anche una compagnia russa? Forse sono solo “conspiracy theories” ma il popolo ceko , i Praghesi hanno le idee molto chiare riguardo questo “pasticciaccio”,puntando il dito verso Putin e il loro Presidente Zeman gridando in silenzio: “Vergogna!”
La foto allegata spiega bene la rabbia della popolazione.

Home