E finalmente da inizio ottobre è stato tolto lo stato di Emergenza in tutto il Giappone.
Tra i principali cambiamenti, c’è la possibilità di servire nuovamente alcolici nei bar e ristoranti, orari di apertura più estesi e la riapertura dei karaoke, luoghi che possiamo definire fondamentali nella vita dei Giapponesi.

Sì perché il karaoke è molto più di un luogo dove si canta, è il posto dove i giapponesi vanno per sfogarsi, dove sono liberi di esprimersi senza timore di giudizio, dove possono urlare a squarciagola. Una valvola di sfogo dalla rigida routine del mondo del lavoro giapponese di salarymen e office ladies.

A differenza dell’idea di karaoke che abbiamo in occidente, i karaoke giapponesi sono stanze private in cui si canta per sé stessi o insieme al proprio gruppo di amici, quindi nessun imbarazzo anche per i più stonati!

Il karaoke in Giappone è amato da tutti, capita di vedere famiglie con bambini così come anziani in attesa della loro stanza, gruppi di amici, coppiette e anche molte persone che vanno da sole, perché hanno voglia di cantare o sentono il bisogno di sfogarsi.

Dopo circa 3 mesi dall’ultima volta, sono finalmente potuta tornare anche io in un karaoke e sorpresa! I nostri Maneskin sono arrivati tra i nuovi titoli del karaoke con la loro Zitti e Buoni! Orgoglio italiano a mille!!