Per chi vale la pena fare la fila? In più di 90mila hanno risposto “per il Canova!”. I numeri li ha forniti il Museo di Roma che, vista la massiccia affluenza di visitatori dall’inaugurazione del 9 ottobre, ha ritenuto più che opportuno organizzare nuove aperture straordinarie serali durante i fine settimana.

Mettendo in ordine gli addendi, le info utili da tenere a mente sono le seguenti: al Museo di Roma, fino al 15 marzo, sarà possibile visitare la mostra-evento Canova. Eterna bellezza, sul legame tra lo scultore e la capitale. Sono oltre 170 le opere – sia dell’artista sia di alcuni suoi contemporanei – esposte e provenienti dalle maggiori collezioni pubbliche e private.

I “prestiti” più importanti arrivano, solo per fare qualche nome, dall’Ermitage di San Pietroburgo, dai Musei Vaticani, dalla Gypsotheca e dal Museo Antonio Canova di Possagno, dal Museo Correr di Venezia e dal Musée des Augustins di Tolosa.

Per agevolare i visitatori, si ricorda il print@home, la conferma d’ordine stampata dell’acquisto on line che dà diritto a saltare la fila e passare direttamente al controllo accessi, senza passare in biglietteria. I dettagli al sito www.museodiroma.it/it/notizie/mostra-canovaeterna-bellezza-salta-la-fila-con-il-printhome