La Puglia è la mia terra di origine.
Sono tanti oramai gli anni di lontananza dalla mia regione, ma me la porto nel cuore e la sento dentro di me in qualsiasi cosa io faccia. Ero una ragazza universitaria quando ho lasciato Foggia e tutti i suoi ricchi sapori.
Riesco per fortuna a raggiungere il dorato tavoliere pugliese almeno per le cosiddette “feste comandate “.
Ora però è da tanto purtroppo che non accade a causa della pandemia Covid.
Sono tanto orgogliosa delle mie radici, delle tradizioni di questa terra spesso discussa, incredibilmente bella e colorata.

Oggi, amici cari, non vi descriverò i nostri piatti tipici e non vi parlerò dei luoghi splendidi, ridenti caldi ed assolati. Vi elencherò con semplicità i “monumenti” del mondo musicale che mi tengono ancorata alla mia regione. Amo la musica e mi piace conoscere gli autori nelle loro interpretazioni.
Vado alla ricerca del loro vissuto e cerco di farli un po’ miei.
Di marchio tutto pugliese sono il grande Maestro e compositore
Umberto Giordano,
Renzo Arbore,
Albano Carrisi,
Domenico Modugno.

Tutti interpreti unici e dal grande talento! Ognuno dal carattere forte che ha maturato carriere strepitose. Per ognuno di loro sono state dedicate decine e decine di spettacoli in teatro, in televisione, nei libri e sulle pagine dei giornali. La Puglia è una terra che spesso soffre di siccità, che ha bisogno di pioggia per le sue coltivazioni ma allo stesso tempo non è mai stata arida di talento e creatività perché ci ha donato questi giganti della musica e tanti ancora ne nasceranno. L’ultimo Festival di Sanremo ci ha fatto conoscere la nuova proposta, un ragazzo anche lui foggiano come me. Si chiama Gaudiano! Ascoltate la sua musica! Che altro posso dire se non che la Puglia è una regione che ci sorprende per le sue bellezze e ci regala di continuo talenti “talentuosi!”.