E’ bello quanto strano quando l’austerità di un manufatto antico sposa la creatività degli artisti contemporanei. Antico e nuovo si fondono insieme in un’unica percezione materiale e sensoriale: è ciò che succede a Roma, a pochi passi da Piazza Navona, all’interno del Chiostro del Bramante che ospita la mostra CRAZY. LA FOLLIA NELL’ARTE CONTEMPORANEA.

Attraversando le sale dei due piani del Chiostro si viene letteralmente investiti da un tripudio di colori, materiali di ogni genere, installazioni strane, talvolta originali o di difficile comprensione, ma accomunate dalla possibilità di essere interpretate soggettivamente da ogni visitatore. Nulla appare scontato, ogni opera colpisce lo sguardo e crea sensazioni diverse; un caos ordinato di luci, figure, ambienti e oggetti che si susseguono lungo un percorso obbligato che dal piano terra sale e poi scende culminando in una colata di pigmenti colorati che ricopre totalmente la scala spandendosi sul pavimento che più in là si trasforma in un enorme specchio rotto calpestabile.

E ancora fiori giganti che vengono giù dal soffitto dei corridoi, bacchette che percuotono tamburi guidati non da mani ma da una traccia musicale martellante e continua, vani di scale affollate da un migliaio di farfalle nere, ambienti totalmente circondati da ovatta multicolor o decorazioni di pareti e arredi uguali tra loro capaci di avvolgere i visitatori ma di confonderli.
La sana follia creativa di CRAZY emoziona, stimola la mente e la spinge ad immaginare oltre il semplice sguardo.


https://youtube.com/shorts/S8WUcHfRIiA?feature=share