Decisamente la gente ha voglia di viaggiare, di tornare a vivere di nuovo. Ho notato un aumento dei turisti a Parigi, nei musei, nelle piazze….lentamente la gente comincia a tornare. Essenzialmente tanti francesi e poi con il ponte dell’8 dicembre, l’Immacolata Concezione, tanti italiani e spagnoli. Dal 21 novembre abbiamo l’illuminazione sugli Champs-Elysées, rigorosamente rossa….per scaldare i nostri cuori raffreddati dal virus che oltre a portarci in ospedale abbiamo visto che può’ immobilizzare intere città e paesi. Nonostante gli aumenti dei contagi, al momento in Francia non sono cambiate le regole, l’uso della mascherina é obbligatorio all’interno, in spazi chiusi, ma non all’aperto. L’accesso a bar, ristoranti, musei, esposizioni, teatri….é limitato a chi possiede un green pass oppure ha fatto da poco il tampone. Ormai ci siamo abituati. L’unico grande cambiamento riguarda le discoteche e i locali notturni chiusi da oggi per 4 settimane. 30.000 impieghi sono messi a dura prova anche se il governo ha garantito la cassa integrazione per tutti i dipendenti.

All’aperto pero’ abbiamo una vita quasi « normale » e quest’anno abbiamo anche di nuovo i mercatini di Natale in vari punti di Parigi: bancarelle con oggetti artigianali, giostre, cibo…..come prima del Covid.

Anche con il freddo si passeggia volentieri, la gente mangia all’esterno…..ci si ferma per mangiare una Tartiflette al volo. Si tratta di un piatto caldo composto di patate, pancetta, cipolla, panna e il tutto gratinato con un formaggio che si chiama Reblochon. Decisamente un piatto invernale che si usa proporre soprattutto in montagna. Per restare più leggeri potete puntare ad una semplice crêpe oppure ai mitici panini con la baguette, farciti a volontà.

Insomma, la città si prepara a festeggiare Natale e la voglia di approfittarne é proprio tanta.

Non sappiamo se nei prossimi giorni ci saranno altre regole,altre restrizioni, intanto approfittiamo del presente ….sembra proprio che « Parigi é una festa mobile» come scriveva Hemingway. Paris c’est Paris!

Vi aspettiamo!